Sin dalle sue origini, Trieste è luogo d'incontro (e scontro) di tre grandi civiltà europee: latina (romanza, italiana), tedesca e slava. La città nel golfo di Boris Pahor rappresenta dunque un osservatorio particolarmente privilegiato e sensibile per l'analisi dei rapporti culturali e letterari tra Italia e Slavia, ma soprattutto tra italiani e sloveni. L'articolo approfondisce un segmento specifico di quest'interazione letteraria: l'immagine dell'alterità slava e slovena estrinsecata dalla letteratura triestina di lingua italiana nel cruciale periodo tra XIX e XX secolo in cui si sono storicamente sostanziate e affermate anche le soggettività nazionali italiana e slovena. L'analisi, fondata sui presupposti teorici della moderna indagine imagologica sui negativi cliché dell'Altro, sulle ostili rappresentazioni dell'alterità nazionale, linguistica o culturale, prende in esame gli “eterostereotipi” dello sloveno nella scrittura letteraria italiana dei principali narratori, poeti o saggisti triestini dell'epoca: dai predecessori Alberto Fortis o Niccolò Tommaseo, ad autori, quali Lorenzo Miniussi, Scipio Slataper, Giglio Padovan, Ruggero Timeus Fauro, Italo Svevo, Umberto Saba, Guido Voghera, Pier Antonio Quarantotti Gambini o Giani Stuparich. Da tale moltitudine di rappresentazioni letterarie dell'alterità slava è possibile desumere tre unificanti percezioni del vicino, tre principali stereotipi antislavi che predominano nelle opere degli autori triestini italiani nel periodo tra XIX e XX secolo: il buon selvaggio, il barbaro distruttore, l'ectoplasma.

Da "buon selvaggio" a ectoplasma: eterostereotipi antislavi nella letteratura triestina italiana tra Otto e Novecento

KOSUTA, MIRAN
2014

Abstract

Sin dalle sue origini, Trieste è luogo d'incontro (e scontro) di tre grandi civiltà europee: latina (romanza, italiana), tedesca e slava. La città nel golfo di Boris Pahor rappresenta dunque un osservatorio particolarmente privilegiato e sensibile per l'analisi dei rapporti culturali e letterari tra Italia e Slavia, ma soprattutto tra italiani e sloveni. L'articolo approfondisce un segmento specifico di quest'interazione letteraria: l'immagine dell'alterità slava e slovena estrinsecata dalla letteratura triestina di lingua italiana nel cruciale periodo tra XIX e XX secolo in cui si sono storicamente sostanziate e affermate anche le soggettività nazionali italiana e slovena. L'analisi, fondata sui presupposti teorici della moderna indagine imagologica sui negativi cliché dell'Altro, sulle ostili rappresentazioni dell'alterità nazionale, linguistica o culturale, prende in esame gli “eterostereotipi” dello sloveno nella scrittura letteraria italiana dei principali narratori, poeti o saggisti triestini dell'epoca: dai predecessori Alberto Fortis o Niccolò Tommaseo, ad autori, quali Lorenzo Miniussi, Scipio Slataper, Giglio Padovan, Ruggero Timeus Fauro, Italo Svevo, Umberto Saba, Guido Voghera, Pier Antonio Quarantotti Gambini o Giani Stuparich. Da tale moltitudine di rappresentazioni letterarie dell'alterità slava è possibile desumere tre unificanti percezioni del vicino, tre principali stereotipi antislavi che predominano nelle opere degli autori triestini italiani nel periodo tra XIX e XX secolo: il buon selvaggio, il barbaro distruttore, l'ectoplasma.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2840197
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact