Nelle arene in cui si pensa il diritto, e non solo da noi, troviamo diffusa, implicita o esplicita una percezione: quella dell’Italia come un paese imitatore di regole altrui. Il presente contributo – di introduzione a una raccolta di studi sul diritto italiano di Europa – solleva alcuni dubbi sulla fondatezza di tale percezione, e ne deriva una serie di domande, al cui cuore vi è quella fondamentale: l’Italia del diritto è davvero (solo) un paese imitatore, oppure fuori dai nostri confini ha saputo farsi conoscere, apprezzare, imitare a sua volta?

Presentazione

BUSSANI, Mauro
2014

Abstract

Nelle arene in cui si pensa il diritto, e non solo da noi, troviamo diffusa, implicita o esplicita una percezione: quella dell’Italia come un paese imitatore di regole altrui. Il presente contributo – di introduzione a una raccolta di studi sul diritto italiano di Europa – solleva alcuni dubbi sulla fondatezza di tale percezione, e ne deriva una serie di domande, al cui cuore vi è quella fondamentale: l’Italia del diritto è davvero (solo) un paese imitatore, oppure fuori dai nostri confini ha saputo farsi conoscere, apprezzare, imitare a sua volta?
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2840447
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact