Beccaria, Bentham e il creazionismo giuridico