Le operazioni sulle azioni proprie: due binari destinati inevitabilmente a divergere?