Con una serie di ordinanze coeve la Suprema Corte, nel soffermarsi sul regime di imposizione indiretta dei trust, afferma l’assoggettabilità ad imposta dei vincoli di destinazione non traslativi, rilevanti per se stessi, indipendentemente da ogni effetto traslativo e in autonomia rispetto al (diverso) tributo sulle successioni e donazioni. Si tratta di una ricostruzione insostenibile, perché sfornita di base normativa e palesemente contraria ai principi giuridici, in primo luogo costituzionali, della tassazione.

La "nuova" imposta su trust e vincoli di destinazione nell'interpretazione creativa della Cassazione

STEVANATO, DARIO
2015

Abstract

Con una serie di ordinanze coeve la Suprema Corte, nel soffermarsi sul regime di imposizione indiretta dei trust, afferma l’assoggettabilità ad imposta dei vincoli di destinazione non traslativi, rilevanti per se stessi, indipendentemente da ogni effetto traslativo e in autonomia rispetto al (diverso) tributo sulle successioni e donazioni. Si tratta di una ricostruzione insostenibile, perché sfornita di base normativa e palesemente contraria ai principi giuridici, in primo luogo costituzionali, della tassazione.
GT
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Vincoli destinazione_GT.pdf

non disponibili

Descrizione: PDF versione editoriale (sentenza e nota a sentenza)
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 587.75 kB
Formato Adobe PDF
587.75 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2874081
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact