Alle radici della modernità giuridico-politica: Hobbes versus Locke