Kant, Borges, Derrida: immortalità e carnalità