Per una rilettura del prologo di Marziano Capella