Integrabilità della dichiarazione “in bonam partem” tra limiti immaginari e aperture apparenti