Lo sviluppo, negli ultimi venticinque anni, delle metodiche di PCR (Polymerase Chain Reaction) consente di analizzare, virtualmente, ogni traccia biologica, anche se di minime dimensioni. Tuttavia, poiché la PCR è una metodica che può causare artefatti, permangono moltissimi problemi su come interpretare i profili genetici ottenuti da limitate quantità di DNA (Low Copy Number DNA - LCN-DNA) e quelli originati da tracce commiste. Se anche, infatti, sono stati sviluppati e validati numerosi softwares che permettono l’interpretazione di tali profili, non vi è una condivisione a livello scientifico internazionale circa il metodo migliore da usare. ABSTRACT The improvement, in the last twenty-five years, of PCR (Polymerase Chain Reaction)-based methods allows the analysis of virtually any biological stain, even if minimal. However, since PCR can originate artifacts, there are still several concerns about the interpretation of genetic profiles obtained from limited amounts of DNA (Low Copy Number -LCN) and from mixed stains. Although several softwares have been developed and validated, there is not yet an international agreement about the best approach to deal with the interpretation of this kind of complex profiles.

La complessità in genetica-forense: l'analisi di DNA in limitata quantità (Low Copy Number DNA) e l'interpretazione di tracce commiste

FATTORINI, PAOLO
2016

Abstract

Lo sviluppo, negli ultimi venticinque anni, delle metodiche di PCR (Polymerase Chain Reaction) consente di analizzare, virtualmente, ogni traccia biologica, anche se di minime dimensioni. Tuttavia, poiché la PCR è una metodica che può causare artefatti, permangono moltissimi problemi su come interpretare i profili genetici ottenuti da limitate quantità di DNA (Low Copy Number DNA - LCN-DNA) e quelli originati da tracce commiste. Se anche, infatti, sono stati sviluppati e validati numerosi softwares che permettono l’interpretazione di tali profili, non vi è una condivisione a livello scientifico internazionale circa il metodo migliore da usare. ABSTRACT The improvement, in the last twenty-five years, of PCR (Polymerase Chain Reaction)-based methods allows the analysis of virtually any biological stain, even if minimal. However, since PCR can originate artifacts, there are still several concerns about the interpretation of genetic profiles obtained from limited amounts of DNA (Low Copy Number -LCN) and from mixed stains. Although several softwares have been developed and validated, there is not yet an international agreement about the best approach to deal with the interpretation of this kind of complex profiles.
https://www.iusexplorer.it/Rivista/Rivista_Italiana_di_Medicina_Legale/La_complessit%C3%A0_in_genetica_forense?IdDatabanks=144&IdDocMaster=5021932
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Carlo Previderè - Paolo Fattorini.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo principale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 196.47 kB
Formato Adobe PDF
196.47 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2892660
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact