Riassunto – La cantina vinicola Skerk si trova a Prepotto di San Pelagio (Carso Triestino) ed è stata scavata entro i litotipi carbonatici del Cretacico superiore. In alcune cavernosità, dovute a carsismo, si trovano delle concrezioni gelatinose, de- nominate mucoliti, formate da un’altissima quantità d’acqua (~ 95 %) e da silice amorfa con subordinati carbonati di calcio amorfi. La deposizione del materiale gelatinoso, con successivo essiccamento, provoca la trasformazione graduale delle sostanze dallo stato amorfo a quello cristallino, però è importante il fattore “tempo”. Sperimentalmente, infatti, si è dimostrato che le prime fasi cristalline compaiono dopo circa quattro mesi dalla deposizione e dopo dieci la trasforma- zione non è ancora completa. In questi casi, la silice amorfa, prima assume le caratteristiche di “opal-C/CT” e poi si trasforma in quarzo. Tra i carbonati, invece, è stata riconosciuta una fase iniziale, il carbonato di calcio amorfo (ACC) e una fase intermedia, la monohydro- calcite - CaCO3*H2O. Entrambi sono precursori della calcite. Il materiale siliceo che costituisce le mucoliti potrebbe derivare, almeno in parte, dall’alterazione di qualche straterello, dallo spessore di pochi centimetri, formato da quarzo criptocristallino e calcite. In considerazione del fatto che questi minerali sono stati trovati entro delle cavernosità della roccia, possono essere con- siderati “minerali di grotta”. Abstract – The winery Skerk is located in Prepotto of St. Pelagius (Triest Karst) and was excavated within the upper Cretaceous carbonate lithotypes. In some hollows, due to karstic phenomena, there are gelatinous speleothems called “mucolites”, formed by a high amount of water (~ 95 %) and by amorphous silica with subordinated amorphous calcium carbonates. The deposition of gelatinous material, with subsequent drying, causes the gradual transformation of the sub- stances from the amorphous to the crystalline state, however the “time” factor is important. Experimentally, in fact, it is shown that the first crystalline phases occur after about four months from the deposition and after ten the processing is not yet complete. In these cases the amorphous silica, first assumes the characteristics of “opal-C/CT” and then turns into quartz. Among the carbonates, however, it has been recognized, as an initial step, the amorphous calcium carbonate (ACC) and an inter- mediate phase, the monohydrocalcite - CaCO3*H2O. Both are precursors of calcite. The siliceous material which constitutes the mucolites could results, al least in part, by the alteration of some little layers, with thickness of few centimetres, formed by cryptocrystalline quartz and calcite. In view of the fact that these minerals where found within the hollowness of the rock, they can be considered “cave mi- nerals”.

Concrezioni mucolitiche di silice amorfa con carbonato di calcio amorfo e monohydrocalcite in una cantina vinicola realizzata entro roccia nel Carso triestino (Prepotto di San Pelagio, prov. di Trieste).

PRINCIVALLE, FRANCESCO
2016

Abstract

Riassunto – La cantina vinicola Skerk si trova a Prepotto di San Pelagio (Carso Triestino) ed è stata scavata entro i litotipi carbonatici del Cretacico superiore. In alcune cavernosità, dovute a carsismo, si trovano delle concrezioni gelatinose, de- nominate mucoliti, formate da un’altissima quantità d’acqua (~ 95 %) e da silice amorfa con subordinati carbonati di calcio amorfi. La deposizione del materiale gelatinoso, con successivo essiccamento, provoca la trasformazione graduale delle sostanze dallo stato amorfo a quello cristallino, però è importante il fattore “tempo”. Sperimentalmente, infatti, si è dimostrato che le prime fasi cristalline compaiono dopo circa quattro mesi dalla deposizione e dopo dieci la trasforma- zione non è ancora completa. In questi casi, la silice amorfa, prima assume le caratteristiche di “opal-C/CT” e poi si trasforma in quarzo. Tra i carbonati, invece, è stata riconosciuta una fase iniziale, il carbonato di calcio amorfo (ACC) e una fase intermedia, la monohydro- calcite - CaCO3*H2O. Entrambi sono precursori della calcite. Il materiale siliceo che costituisce le mucoliti potrebbe derivare, almeno in parte, dall’alterazione di qualche straterello, dallo spessore di pochi centimetri, formato da quarzo criptocristallino e calcite. In considerazione del fatto che questi minerali sono stati trovati entro delle cavernosità della roccia, possono essere con- siderati “minerali di grotta”. Abstract – The winery Skerk is located in Prepotto of St. Pelagius (Triest Karst) and was excavated within the upper Cretaceous carbonate lithotypes. In some hollows, due to karstic phenomena, there are gelatinous speleothems called “mucolites”, formed by a high amount of water (~ 95 %) and by amorphous silica with subordinated amorphous calcium carbonates. The deposition of gelatinous material, with subsequent drying, causes the gradual transformation of the sub- stances from the amorphous to the crystalline state, however the “time” factor is important. Experimentally, in fact, it is shown that the first crystalline phases occur after about four months from the deposition and after ten the processing is not yet complete. In these cases the amorphous silica, first assumes the characteristics of “opal-C/CT” and then turns into quartz. Among the carbonates, however, it has been recognized, as an initial step, the amorphous calcium carbonate (ACC) and an inter- mediate phase, the monohydrocalcite - CaCO3*H2O. Both are precursors of calcite. The siliceous material which constitutes the mucolites could results, al least in part, by the alteration of some little layers, with thickness of few centimetres, formed by cryptocrystalline quartz and calcite. In view of the fact that these minerals where found within the hollowness of the rock, they can be considered “cave mi- nerals”.
ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2016_119 _Cancian, Princivalle_mucoliti_Adriatica Scienze.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 950.75 kB
Formato Adobe PDF
950.75 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2893406
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact