La figura dell'insistenza, declinata nelle molteplici forme che si possono rintracciare nei testi letterari, è fonte di riflessione in ambito traduttologico. Il saggio propone, in merito, un'indagine comparativa di due traduzioni in lingua italiana di "Zadig", celebre conte philosophique di Voltaire. Nello specifico, si confrontano le versioni siglate da due scrittori italiani, Riccardo Bacchelli, che traduce "Zadig" nel 1938, e Tino Richelmy, che traduce il conte nel 1974.

La ripetizione negata

Manuela Raccanello
2019

Abstract

La figura dell'insistenza, declinata nelle molteplici forme che si possono rintracciare nei testi letterari, è fonte di riflessione in ambito traduttologico. Il saggio propone, in merito, un'indagine comparativa di due traduzioni in lingua italiana di "Zadig", celebre conte philosophique di Voltaire. Nello specifico, si confrontano le versioni siglate da due scrittori italiani, Riccardo Bacchelli, che traduce "Zadig" nel 1938, e Tino Richelmy, che traduce il conte nel 1974.
Pubblicato
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Raccanello, Bérénice n. 56-57 2019.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo con frontespizio e indice del fascicolo
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Copyright Editore
Dimensione 5.59 MB
Formato Adobe PDF
5.59 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2964205
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact