Nella tavolozza dei Novi Colori: Virgilio Giotti e la poesia del distacco