Due testi di Paolo Buzzi, l’uno dedicato a Gabriele d’Annunzio e l’altro a Giuseppe Garibaldi, ambedue adattati ai tempi che ne videro la pubblicazione e pensati dal loro autore in conformità alle istanze portate avanti dal Futurismo. Tuttavia, poiché si tratta di poesia civile, si cercherà di illustrare come il poeta abbia cercato di creare una poesia civile futurista, ora adattando al nuovo movimento testi precedenti, ora creandone di nuovi, sulla spinta degli eventi storico-politici di quegli anni.

Paolo Buzzi tra Gabriele D’Annunzio e Giuseppe Garibaldi: presente e passato nella mitopoiesi della nuova Italia

Elena Rampazzo
2009

Abstract

Due testi di Paolo Buzzi, l’uno dedicato a Gabriele d’Annunzio e l’altro a Giuseppe Garibaldi, ambedue adattati ai tempi che ne videro la pubblicazione e pensati dal loro autore in conformità alle istanze portate avanti dal Futurismo. Tuttavia, poiché si tratta di poesia civile, si cercherà di illustrare come il poeta abbia cercato di creare una poesia civile futurista, ora adattando al nuovo movimento testi precedenti, ora creandone di nuovi, sulla spinta degli eventi storico-politici di quegli anni.
Pubblicato
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2967478
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact