In un periodo come questo, di crisi economica, di crisi ambientale e di crisi delle risorse, la gestione dei flussi nella città-porto può consentire il passaggio da una crescita incontrollata del turismo a uno sviluppo circolare della destinazione turistica e in senso più ampio del territorio. Perché questo sia possibile, è necessario introdurre il concetto di governance a rete i cui aspetti caratterizzanti sono la gestione di informazioni multidirezionali, complesse e di diversa origine e natura. La costante necessità di etichette, come ad esempio “turismo sostenibile e responsabile”, rivelano immediatamente l’esistenza di un problema legato all’impatto che l’industria del turismo può avere sul territorio e sulla società. Finora, in molte destinazioni la valorizzazione degli aspetti economici del fenomeno turistico ha prevalso sull’esigenza di salvaguardare l’ambiente urbano, l’ambiente naturale e le persone promuovendo azioni slegate tra di loro. In questo quadro d’insieme, la domanda che la tesi si pone è se il turismo, e nello specifico quello crocieristico, sia in maggior misura un’opportunità di sviluppo o un’attività intrusiva per la destinazione, indagando su come mitigare o compensare gli aspetti negativi dei flussi turistici di massa. Essendo questo tipo di turismo apparentemente un fenomeno inarrestabile risulta importante mettere in discussione le strategie di governance finora applicate e sfruttare questo periodo di stasi dovuto dalla pandemia COVID-19 per ripensare gli strumenti di gestione in un’ottica più sostenibile. Dallo stato dell’arte emerge come in molte destinazioni caratterizzate dai flussi crocieristici (ad es. Venezia, Dubrovnik e Barcellona), la domanda turistica supera l’offerta urbana, e di conseguenza, avvicinandosi al limite della capacità di carico, la destinazione diventa invivibile sia per i residenti che per i turisti. Al giorno d’oggi, la destinazione turistica che desidera essere al passo con i tempi ha la necessità di essere sempre più uno spazio che si configura come un insieme di luoghi attrattivi, di servizi, di domande e offerte, di azioni globali e contemporaneamente locali, oltre che uno spazio caratterizzato da elementi personalizzabili. Cambiare rotta è una sfida difficile, tuttavia sviluppare una consapevolezza del rapporto multimodale tra turismo e territorio può essere l’inizio per estrarre valore dal territorio piuttosto che creare valore dallo stesso. Questa tesi approfondisce il dibattito in corso concentrandosi su una categoria innovativa di intervento soft, volta a riequilibrare i rapporti nella città-porto del Mediterraneo caratterizzata dal boom del turismo crocieristico. La ricerca mira a definire un modello di gestione integrato della domanda e dell’offerta attraverso l’uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), che consenta di: migliorare il benessere del residente nella destinazione, aumentare la soddisfazione da parte del turista dell’esperienza turistica, rispettare il territorio in un’ottica sostenibile, utilizzare il network per creare nuove opportunità, aumentare il valore economico della destinazione e incrementare le ricadute positive sulle attività degli stakeholder che ne fanno parte. A supporto di questi intenti, la tesi propone la Smart Cruise Destination, un modello di gestione che si basa su una categoria di intervento volta a co-creare la destinazione turistica intesa come servizio sia per i residenti che per i turisti attraverso l’uso di una piattaforma tecnologica. Il contributo principale di questa tesi è l'introduzione in questo contesto di un Sistema di Supporto alle Decisioni (DSS). Il framework proposto consiste in una combinazione di conoscenze e dati distribuiti e accessibili che possono dare a tutti gli stakeholder l'opportunità di basare le decisioni riguardanti le politiche, lo sviluppo e le attività su basi solide e razionali.

SMART CRUISE DESTINATION un approccio innovativo a network nella gestione delle connessioni tra il turismo crocieristico, le destinazioni turistiche e il territorio

CARCIOTTI, SARA
2021-10-19T00:00:00+02:00

Abstract

In un periodo come questo, di crisi economica, di crisi ambientale e di crisi delle risorse, la gestione dei flussi nella città-porto può consentire il passaggio da una crescita incontrollata del turismo a uno sviluppo circolare della destinazione turistica e in senso più ampio del territorio. Perché questo sia possibile, è necessario introdurre il concetto di governance a rete i cui aspetti caratterizzanti sono la gestione di informazioni multidirezionali, complesse e di diversa origine e natura. La costante necessità di etichette, come ad esempio “turismo sostenibile e responsabile”, rivelano immediatamente l’esistenza di un problema legato all’impatto che l’industria del turismo può avere sul territorio e sulla società. Finora, in molte destinazioni la valorizzazione degli aspetti economici del fenomeno turistico ha prevalso sull’esigenza di salvaguardare l’ambiente urbano, l’ambiente naturale e le persone promuovendo azioni slegate tra di loro. In questo quadro d’insieme, la domanda che la tesi si pone è se il turismo, e nello specifico quello crocieristico, sia in maggior misura un’opportunità di sviluppo o un’attività intrusiva per la destinazione, indagando su come mitigare o compensare gli aspetti negativi dei flussi turistici di massa. Essendo questo tipo di turismo apparentemente un fenomeno inarrestabile risulta importante mettere in discussione le strategie di governance finora applicate e sfruttare questo periodo di stasi dovuto dalla pandemia COVID-19 per ripensare gli strumenti di gestione in un’ottica più sostenibile. Dallo stato dell’arte emerge come in molte destinazioni caratterizzate dai flussi crocieristici (ad es. Venezia, Dubrovnik e Barcellona), la domanda turistica supera l’offerta urbana, e di conseguenza, avvicinandosi al limite della capacità di carico, la destinazione diventa invivibile sia per i residenti che per i turisti. Al giorno d’oggi, la destinazione turistica che desidera essere al passo con i tempi ha la necessità di essere sempre più uno spazio che si configura come un insieme di luoghi attrattivi, di servizi, di domande e offerte, di azioni globali e contemporaneamente locali, oltre che uno spazio caratterizzato da elementi personalizzabili. Cambiare rotta è una sfida difficile, tuttavia sviluppare una consapevolezza del rapporto multimodale tra turismo e territorio può essere l’inizio per estrarre valore dal territorio piuttosto che creare valore dallo stesso. Questa tesi approfondisce il dibattito in corso concentrandosi su una categoria innovativa di intervento soft, volta a riequilibrare i rapporti nella città-porto del Mediterraneo caratterizzata dal boom del turismo crocieristico. La ricerca mira a definire un modello di gestione integrato della domanda e dell’offerta attraverso l’uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), che consenta di: migliorare il benessere del residente nella destinazione, aumentare la soddisfazione da parte del turista dell’esperienza turistica, rispettare il territorio in un’ottica sostenibile, utilizzare il network per creare nuove opportunità, aumentare il valore economico della destinazione e incrementare le ricadute positive sulle attività degli stakeholder che ne fanno parte. A supporto di questi intenti, la tesi propone la Smart Cruise Destination, un modello di gestione che si basa su una categoria di intervento volta a co-creare la destinazione turistica intesa come servizio sia per i residenti che per i turisti attraverso l’uso di una piattaforma tecnologica. Il contributo principale di questa tesi è l'introduzione in questo contesto di un Sistema di Supporto alle Decisioni (DSS). Il framework proposto consiste in una combinazione di conoscenze e dati distribuiti e accessibili che possono dare a tutti gli stakeholder l'opportunità di basare le decisioni riguardanti le politiche, lo sviluppo e le attività su basi solide e razionali.
UKOVICH, WALTER
MARIN, ALESSANDRA
33
2019/2020
Settore ICAR/21 - Urbanistica
Università degli Studi di Trieste
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Carciotti_Smart Cruise Destination_online.pdf

embargo fino al 19/10/2022

Descrizione: SMART CRUISE DESTINATION un approccio innovativo a network nella gestione delle connessioni tra il turismo crocieristico, le destinazioni turistiche e il territorio
Tipologia: Tesi di dottorato
Dimensione 18.89 MB
Formato Adobe PDF
18.89 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2997299
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact