L’articolo presenta il modello didattico Classi in Rete, che è stato sperimentato in Québec e si basa sul concetto pedagogico di classe come Knowledge Building communities. Il modello è stato portato per la prima volta in Italia nel contesto delle piccole scuole abruzzesi. Seguendo un approccio metodologico di tipo design-based research (Sandoval, 2014) questo lavoro presenta i risultati di un percorso che ha visto il coinvolgimento di 23 docenti (14 della scuola primaria e 7 della scuola secondaria di primo grado) e 183 studenti (129 della primaria e 54 della secondaria di primo grado). Nello specifico questo lavoro è finalizzato a comprendere se l’esperienza con Classi in rete ha favorito un cambiamento nelle prassi e nelle strategie didattiche dei docenti, e quali elementi occorre tenere presente per un suo miglioramento. Il lavoro di analisi poggia sui dati di una indagine quantitativa strutturata volta a comprendere l’impatto che il modello ha avuto nelle classi sperimentali in termini di collaborazione, interdisciplinarietà, riorganizzazione dei tempi e degli spazi di lavoro, e su una analisi qualitativa basata su focus group con i docenti e le loro classi costruiti a partire dall’individuazione di dimensioni di indagine inerenti la propensione al cambiamento nella didattica, già presenti in letteratura.

"Classi in Rete" nelle piccole scuole. Innovare attraverso lezioni condivise in(pluri)classi aperte e isolate.

PIERI M.
2021

Abstract

L’articolo presenta il modello didattico Classi in Rete, che è stato sperimentato in Québec e si basa sul concetto pedagogico di classe come Knowledge Building communities. Il modello è stato portato per la prima volta in Italia nel contesto delle piccole scuole abruzzesi. Seguendo un approccio metodologico di tipo design-based research (Sandoval, 2014) questo lavoro presenta i risultati di un percorso che ha visto il coinvolgimento di 23 docenti (14 della scuola primaria e 7 della scuola secondaria di primo grado) e 183 studenti (129 della primaria e 54 della secondaria di primo grado). Nello specifico questo lavoro è finalizzato a comprendere se l’esperienza con Classi in rete ha favorito un cambiamento nelle prassi e nelle strategie didattiche dei docenti, e quali elementi occorre tenere presente per un suo miglioramento. Il lavoro di analisi poggia sui dati di una indagine quantitativa strutturata volta a comprendere l’impatto che il modello ha avuto nelle classi sperimentali in termini di collaborazione, interdisciplinarietà, riorganizzazione dei tempi e degli spazi di lavoro, e su una analisi qualitativa basata su focus group con i docenti e le loro classi costruiti a partire dall’individuazione di dimensioni di indagine inerenti la propensione al cambiamento nella didattica, già presenti in letteratura.
Pubblicato
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
3_mangione-pieri_qt-jetss_ott_21_1.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 1.04 MB
Formato Adobe PDF
1.04 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/3028812
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact