Scopo di questo capitolo è interpretare l’accesso alla scrittura formale come un processo di acculturazione allo specifico “genere” linguistico e analitico richiesto dalla scuola. Partendo dalle riflessioni di Jack Goody sulla scrittura come “tecnologia dell’intelletto”, si ipotizza che in diversi contesti extra-scolastici i soggetti elaborino pratiche di scrittura che differiscono dalle richieste poste loro in classe e caratterizzate da un “genere” linguistico specifico. Il percorso di acquisizione della scrittura formale consiste pertanto in una transizione (un “terzo spazio”) in cui le studentesse e gli studenti partecipano a diverse modalità di scrittura si incontrano e conducono riflessioni, per cogliere le differenze tra diversi generi di scrittura. Per garantire questa partecipazione, è necessario che l’ambiente scolastico diventi un’ecologia complessa, in cui il pluralismo culturale sia accettato e valorizzato. Si farà riferimento a un’esperienza condotta in un Istituto professionale con studentesse a rischio di insuccesso.

La lunga transizione, dove si incontrano la scrittura quotidiana e la scrittura formale. Una prospettiva costruttivista per il contrasto all’insuccesso scolastico.

Sorzio
2022-01-01

Abstract

Scopo di questo capitolo è interpretare l’accesso alla scrittura formale come un processo di acculturazione allo specifico “genere” linguistico e analitico richiesto dalla scuola. Partendo dalle riflessioni di Jack Goody sulla scrittura come “tecnologia dell’intelletto”, si ipotizza che in diversi contesti extra-scolastici i soggetti elaborino pratiche di scrittura che differiscono dalle richieste poste loro in classe e caratterizzate da un “genere” linguistico specifico. Il percorso di acquisizione della scrittura formale consiste pertanto in una transizione (un “terzo spazio”) in cui le studentesse e gli studenti partecipano a diverse modalità di scrittura si incontrano e conducono riflessioni, per cogliere le differenze tra diversi generi di scrittura. Per garantire questa partecipazione, è necessario che l’ambiente scolastico diventi un’ecologia complessa, in cui il pluralismo culturale sia accettato e valorizzato. Si farà riferimento a un’esperienza condotta in un Istituto professionale con studentesse a rischio di insuccesso.
978-88-5511-350-2
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
sorzio_fuoriclasse.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.53 MB
Formato Adobe PDF
1.53 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/3036900
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact