"A che serve pregare, se il destino è immutabile?" Un problema del pensiero antico