Dopo aver individuato nell’art. 15 Cost. un diritto alla non divulgazione delle intercettazioni processualmente irrilevanti, l’Autore trae spunto dalla recente sentenza costituzionale sul conflitto di attribuzione fra il Presidente della Repubblica e la Procura di Palermo (n. 1 del 2013), per riflettere sui difetti della disciplina codicistica in materia di selezione del materiale intercettato e per prospettare alcune possibili riforme di quello che appare come uno snodo davvero decisivo di un procedimento penale che voglia tutelare le esigenze di repressione dei reati, ma anche dei diritti dei diversi soggetti che ne vengano coinvolti.

Il superamento dell'udienza di stralcio: prassi "deviante" o opportunità teorica?

CABIALE, ANDREA
2014

Abstract

Dopo aver individuato nell’art. 15 Cost. un diritto alla non divulgazione delle intercettazioni processualmente irrilevanti, l’Autore trae spunto dalla recente sentenza costituzionale sul conflitto di attribuzione fra il Presidente della Repubblica e la Procura di Palermo (n. 1 del 2013), per riflettere sui difetti della disciplina codicistica in materia di selezione del materiale intercettato e per prospettare alcune possibili riforme di quello che appare come uno snodo davvero decisivo di un procedimento penale che voglia tutelare le esigenze di repressione dei reati, ma anche dei diritti dei diversi soggetti che ne vengano coinvolti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2761157
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact