Il superamento dell'udienza di stralcio: prassi "deviante" o opportunità teorica?