L'Autore, dopo aver analizzato le criticità della categoria dottrinale dell'inutilizzabilità "derivata" e aver tentato di dimostrarne l'inefficienza pratica, suggerisce un modello alternativo alla propagazione del vizio, che possa raggiungere risultati simili a quelli dell'istutituto in questione, pur senza incontrare gli stessi difetti.

L'inutilizzabilità "derivata": un mito a mezza via fra nullità ed esigenze sostanziali.

CABIALE, ANDREA
2013

Abstract

L'Autore, dopo aver analizzato le criticità della categoria dottrinale dell'inutilizzabilità "derivata" e aver tentato di dimostrarne l'inefficienza pratica, suggerisce un modello alternativo alla propagazione del vizio, che possa raggiungere risultati simili a quelli dell'istutituto in questione, pur senza incontrare gli stessi difetti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2768123
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact