L'Autore illustra la sentenza n. 348/2013 della Corte di cassazione, che, oltre a delineare ulteriormente i tratti salienti dell'atto "abnorme", prende posizione sull'interpretazione dell'art. 438, comma 2, c.p.p., in merito al termine ultimo per la proposizione della richiesta di giudizio abbreviato.

Una interessante pronuncia su abnormità e diniego della richiesta di giudizio abbreviato semplice

CABIALE, ANDREA
2014

Abstract

L'Autore illustra la sentenza n. 348/2013 della Corte di cassazione, che, oltre a delineare ulteriormente i tratti salienti dell'atto "abnorme", prende posizione sull'interpretazione dell'art. 438, comma 2, c.p.p., in merito al termine ultimo per la proposizione della richiesta di giudizio abbreviato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2768128
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact