L'Autore illustra la sentenza 13 novembre 2012 della Corte europea dei diritti dell'uomo (sez. I), in cui i giudici di Strasbrugo sembrano estendere al perito, nel processo penale, quel requisito di "imparzialità oggettiva", che finora era stato postulato in capo a chi esercita la funzione giurisdizionale.

Imparizialità del perito e affidabilità dell'accertamento penale

CABIALE, ANDREA
2013

Abstract

L'Autore illustra la sentenza 13 novembre 2012 della Corte europea dei diritti dell'uomo (sez. I), in cui i giudici di Strasbrugo sembrano estendere al perito, nel processo penale, quel requisito di "imparzialità oggettiva", che finora era stato postulato in capo a chi esercita la funzione giurisdizionale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2768134
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact