L'Autore analizza la sentenza 11 dicembre 2012, Tangiyev c. Russia, della Corte europea dei diritti dell'uomo (sez. I), secondo cui l’uso processuale di confessioni estorte rende il processo iniquo, indipendentemente dal valore probatorio delle dichiarazioni o dal loro impatto sull’esito del procedimento.

Confessione estorta ed equità del processo

CABIALE, ANDREA
2013

Abstract

L'Autore analizza la sentenza 11 dicembre 2012, Tangiyev c. Russia, della Corte europea dei diritti dell'uomo (sez. I), secondo cui l’uso processuale di confessioni estorte rende il processo iniquo, indipendentemente dal valore probatorio delle dichiarazioni o dal loro impatto sull’esito del procedimento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2768136
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact