La giustificazione (dell'uomo). Hans Küng e la sostanziale convergenza con Karl Barth