L'articolo analizza il carteggio tra uno scrittore fiumano, Paolo Santarcangeli, ebreo italiano esule da Fiume dopo la seconda guerra mondiale e Biagio Marin, cattolico che ha visto la dissoluzione dell'impero asburgico e si è ritirato nella sua isola di Grado. Le lettere affrontano molte problematiche, l'esilio, l'alterità, la religione, il confronto con le letterature contemporanee, la scrittura.

Esili giuliani: Biagio Marin e Paolo Santarcangeli. Documenti inediti

BENUSSI, MARIA CRISTINA
2016

Abstract

L'articolo analizza il carteggio tra uno scrittore fiumano, Paolo Santarcangeli, ebreo italiano esule da Fiume dopo la seconda guerra mondiale e Biagio Marin, cattolico che ha visto la dissoluzione dell'impero asburgico e si è ritirato nella sua isola di Grado. Le lettere affrontano molte problematiche, l'esilio, l'alterità, la religione, il confronto con le letterature contemporanee, la scrittura.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2872870
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact